il Taijiquan ortodosso di Chenjiagou secondo gli insegnamenti della famiglia Zhu

Cos’è il Taijiquan

Il TAIJIQUAN– anche noto come TAICHI– è l’arte marziale cinese più nota in Occidente. Affinato nei secoli da generazioni di grandi maestri, è un metodo d’allenamento originale basato sulle antiche concezioni cinesi di fisiologia energetica.
Il Taijiquan è al tempo stesso arte marziale ed esercizio per la salute ma anche disciplina per la coltivazione morale e caratteriale.

La storia del Taijiquan

Il Taijiquan nasce nel XVII secolo in seno ad una famiglia di tradizioni guerriere della Cina settentrionale – i Chen 陳– che nel 1374 migrarono dalla provincia di Shanxi 山西 a quella di Henan 河南 stabilendosi nelle campagne del distretto di Wen 溫, spopolate a causa delle sanguinose rivolte che avevano segnato la caduta della dinastia mongola. 

Chen Wangting 陳王庭 (ca. 1600-1680) della IX generazione, ufficiale dell’esercito, ritiratosi a vita privata si dedicò allo studio e alla rielaborazione dell’arte marziale di famiglia creando il Taijiquan 太極拳. Per quasi trecento anni quest’arte fu trasmessa quasi esclusivamente all’interno del villaggio fondato dai Chen e che da loro prese il nome: Chenjiagou 陳家溝. Nell’Ottocento un servitore di nome Yang Luchan 楊露禪(1799-1871), l’apprese dal famoso Chen Changxing 陳長興 (1771-1853) e grazie alla sua straordinaria abilità divenne guardia del corpo del principe Duan 端.

La diffusione

Yang Chengfu 楊澄甫 (1883-1936), nipote di Luchan, fu il maggior divulgatore della disciplina in epoca repubblicana (1911-1948). Grazie alla sua straordinaria opera pedagogica il Taijiquan è oggi l’arte marziale cinese più nota al mondo, di qui il detto Chenjia quan Yangjia chuan 陳家拳楊家傳 – “la boxe della famiglia Chen fu diffusa dalla famiglia Yang”.

Lo stile Chen giunge alla capitale

Nel 1928 Chen Fake 陳發科 (1887-1957), il maestro più rinomato del villaggio, iniziò ad insegnare la sua arte a Pechino, mentre il nipote Zhaopi 陳照丕 (1893-1972) la insegnava a Nanchino. Nel 1958 Chen Zhaopi tornò al villaggio per istruire le future generazioni. I suoi nipoti Chen Xiaowang, Wang Xi’an, Zhu Tiancai e Chen Zhenglei divennero famosi maestri e oggi son detti “i Quattro Grandi Jingang di Chenjiagou” (Chenjiagou sida jingang 陳家溝四大金剛).

La famiglia Zhu

I Quattro Grandi Jingang diffusero il Taijiquan di Chenjiagou in tutta la Cina e nel mondo intero e ognuno di loro creò una propria scuola. La scuola della famiglia Zhu si distingue per generosità, cortesia e passione nella trasmissione dell’arte nonché per la grande cura dedicata ad ogni dettaglio, senza segreti e gelosie. Oggi vanta filiali in molti paesi inclusa l’Italia, sotto la denominazione Istituto Taiji Tiancai 天才太極院.